La prostatite – malattie infettive …

La prostatite - malattie infettive ...

DE FINITION

EPI DEMIOLOGY

stime basate sulla popolazione della prevalenza della prostatite nella popolazione maschile in generale in Nord America indicano che questa condizione colpisce il 5% e il 16% degli uomini durante la loro vita (10). Rapporti da studi internazionali mostrano analoghi tassi di prevalenza stimata di prostatite negli uomini in Europa e Asia. Nonostante l’enorme fardello prostatite posti sul sistema sanitario, è stato difficile determinare l’epidemiologia precisa delle varie sindromi prostatite delle definizioni differenti utilizzati per descrivere queste condizioni, e l’eterogeneità dei diversi criteri diagnostici, tra cui la mancanza di specificità di genitourinario tratto localizzazione infiammatoria. La prostatite batterica acuta batterica e croniche rappresentano solo una piccola percentuale di tutti i casi. Acuti conti prostatite batterica per meno dello 0,02% di tutti i pazienti con diagnosi di prostatite rendendo questo tipo di infezione rara. Al contrario, i conti prostatite batterica cronica per il 5-10% dei casi di prostatite a causa di infezioni. Tuttavia, la maggior parte degli uomini con prostatite (

90%) hanno il tipo / CPPS CP che non è stato dimostrato di essere causa di infezioni (11. 14. 17).

Prostatite cronica / CPPS è anche associato con notevoli costi e minore qualità della vita punteggi, che prevede il consumo di risorse sanitarie. Gli uomini negli Stati Uniti con i conti prostatite cronica per 2-5 milioni di visite medico ambulatoriali all’anno di cui 8% di tutti gli appuntamenti con un urologo e 1-2% delle visite ai medici di assistenza primaria (17). i pazienti prostatite incorrere in costi diretti e indiretti che media più di $ 4.000 per l’anno che è molto più grande che i costi associati alla gestione di altre condizioni di dolore legati comuni.

PAT HOGENESIS

Una volta stabilito infezione batterica della prostata, è probabilmente mantenuta a causa della formazione di un biofilm microrganismo. biofilm sono definiti come strettamente colonie aderenza dei batteri che sono avvolte in una matrice gelatinosa che funge da barriera per risposte immunitarie e antibatteriche. Recenti studi hanno dimostrato che E. coli ceppi associati alla prostatite batterica hanno una maggiore capacità di forma biofilm che i ceppi associati con cistite e pielonefrite (5. 42). E. coli ceppi responsabili della prostatite batterica mostrano anche più fattori di virulenza di altri uropatogeni E. coli come fattore di emolisina e citotossico necrotizzante (8). la formazione di biofilm batterico può quindi promuovere la persistenza di infezione e portare a infezioni batteriche e infiammazione cronica.

Anche se i pazienti con immunosoppressione sottostante compresi quelli che sono sieropositivi HIV o l’AIDS può essere suscettibile di acquisizione di prostatite batterica a causa delle uropathogens batteriche comuni e organismi atipici si trovano in pazienti sani, questo sottogruppo di pazienti presenta sfide diagnostiche uniche da agenti patogeni inusuali possono causare infezioni a causa di batteri, M. tuberculosis e M. aviumintracellulare (MAI), lieviti e funghi sono stati trovati (Tabella 2). prostatite granulomatosa è anche una rara complicanza della tubercolosi militari negli uomini altrimenti sani.

MANIFESTAZIONI CLINICHE

La prostatite a causa di un’infezione batterica è spesso associata a sintomi del tratto urinario inferiore, quali disuria e frequenza urinaria. Tuttavia, a differenza di infezione del tratto urinario da solo, gli uomini con prostatite in genere hanno sovrapubica, rettale, testicoli, scroto e dolore al pene, e la disfunzione sessuale o disagio, tra cui la disfunzione erettile, eiaculazione dolorosa e post-coitale dolore pelvico.

Prostatite batterica cronica è una malattia subacuta recidivante che si manifesta con sintomi persistenti che imitano un’infezione delle vie urinarie, ma crescere e calare. Tabella 3 descrive i sintomi più comuni nei pazienti con sindromi prostatite cronica. I pazienti di solito hanno disuria e frequenza ed urgenza urinaria con dolore lombare, perineale o dolore scrotale, e l’eiaculazione dolorosa che sono stati presenti per più di 3 mesi. Gli uomini con prostatite batterica cronica non presentano con sintomi sistemici di infezione (febbre, brividi e rigori). L’esame medico compreso l’esame rettale digitale della prostata non rivelano alcuna anomalia. L’infiammazione nel liquido prostatico avviene episodicamente e ricorre in un corso che cresce e decresce con il paziente’sintomi s. Il dolore cronico e la disfunzione sessuale si verificano complicanze di infezione prostatica e infiammazione cronica.

DIAGNOSI DIFFERENZIALE

prostatite batterica acuta e cronica deve essere differenziato in primo luogo sia inferiore (cistiti) e infezioni del tratto superiore (pielonefrite) urinari dal momento che tutte queste infezioni si presentano con sintomi del tratto urinario inferiore. Tabella 4 descrive le manifestazioni cliniche più comuni che devono essere utilizzati per differenziare questi tipi di infezioni genito-urinario. Dal semplice cistite è un’infezione urinaria localizzata della vescica, gli uomini con questa infezione non si hanno sintomi sistemici di infezione tra cui febbre, brividi e rigidità. Anche se i pazienti con pielonefrite manifestano sintomi sistemici di infezione, che in genere hanno anche tenerezza angolo costo-vertebrali (dolore al fianco), e un esame rettale digitale rivelerà una ghiandola prostatica normale. Gli uomini con infezione delle vie urinarie con e senza prostatite batterica possono anche avere risultati di un epididimite acuta e / o orchite.

Il cancro della prostata deve essere esclusa in uomini con prostatite cronica e livelli persistentemente elevati dell’antigene prostatico specifico (PSA) (vale a dire gt; 4 ng / ml), in particolare se il livello rimane nell’intervallo mediana di 11-16 ng / ml dopo specifico trattamento e risoluzione dei sintomi antimicrobica.

D IAGNOSTIC PROVE

Tabella 6 delinea il laboratorio consigliato e esami radiologici che devono essere eseguite per la diagnosi prostatite batterica acuta e cronica e per escludere complicanze (29).

L aboratory Testing

Analisi delle urine

Analisi delle urine dovrebbe essere fatto su tutti i pazienti sospettati di avere prostatite a piuria e bacturiuria come indicatori di infezione del tratto urinario. I rapporti di proteine ​​urinarie specifici combinati sono stati anche dimostrato di recente per aiutare nella diagnosi di disturbi renali e urologiche. analisi delle urine completa si compone di tre procedure tra cui l’analisi delle strisce reattive, flusso urinario citometria, e la determinazione delle proteine ​​urinarie specifici [albumina, proteine ​​totali, A1-microglobulina (A1M), un 2-macroglobulina (A2M)]. Un recente studio di 407 uomini con disturbi renali o urologici dimostrato che la presenza di due proteine ​​urinarie specifici (A2M e urinaria di albumina) è stata diagnostica di prostatite acuta (35).

culture

Test Localizaton

Diagnosi EPS Infiammazione

STD patogeni

Gli agenti patogeni insoliti

Marcatori di infiammazione

antigene prostatico specifico (PSA) è un importante marker infiammatorio per la rilevazione e il monitoraggio del cancro della prostata. Tuttavia, la specificità del livello di antigene prostatico specifico non è alta quando il livello è intermedio (cioè tra 4 e 10 ng / ml) perché

70% degli uomini con test persistentemente elevati non avrà il cancro rilevato su biopsia prostatica. L’associazione tra infiammazione della prostata cronica a causa di prostatite e livelli di antigene prostatico specifico elevati è però stata controversa. Siero antigene prostatico specifico e cento liberi prostatico specifico valori antigene cambiamenti sono stati recentemente studiati prima e dopo il trattamento antibiotico in uno studio di 65 uomini asintomatici con livelli di antigene prostatico specifico intermedi persistentemente elevati (9). Dei 51 uomini che avevano prove di laboratorio coerente con prostatite prima della terapia antibiotica, il 30% ha avuto una risposta al trattamento definita come una diminuzione dei livelli di antigene prostatico specifico gt; il 20% del valore basale. Inoltre, la rabbia di variazioni di antigene prostatico specifico e valori antigene prostatico specifico liberi per cento è diminuita in modo significativo. Subclinica infiammazione prostatica può contribuire ad un livello di antigene prostatico specifico elevato e la sua variazione tra gli uomini con carcinoma della prostata. antigene prostatico specifico dovrebbe pertanto essere misurato in pazienti con prostatite cronica / CPPS (TIPO II / III) anche se sono asintomatici (tipo IV). Se PSA rimane elevata (gt; 4 ng / ml), nonostante un ciclo di trattamento antibiotico, allora il paziente dovrebbe avere una biopsia prostatica per escludere la presenza di cancro alla prostata.

Altri marcatori infiammatori possono essere aumentate durante gli episodi prostatite batterica acuta o cronica ma entrambi un tasso di sedimentazione eritrocitaria (ESR) o elevazione della proteina C-reattiva sono marcatori non specifici di infiammazione. Non sono stati condotti studi valutare l’uso di questi marcatori infiammatori per il monitoraggio terapeutico di infiammazione prostatica. Questi test hanno solo il potenziale per essere utile nella risoluzione monitoraggio dell’infiammazione prostatica in pazienti senza altri focolai di infiammazione in corso.

R adiologic Imaging

TRUS di imaging dei pazienti con prostatite batterica o non batterica cronica / CPPS forniscono essenzialmente le stesse immagini. I risultati includono cambiamenti ipoecogene periferiche, calcificazione, e congestione venosa periprostatico e anomalie delle vescicole seminali (47).

EM Piric ANTIBIOTICA TERAPIA

Tabella 8 illustra i modelli di suscettibilità agli antibiotici tipici si trovano negli Stati Uniti per uropathogens comuni che causano infezioni del tratto urinario complicate. resistenza TMP-SMX si avvicina 25-30% e tassi molto più alti sono stati riportati da altre parti del mondo (2. 21). Inoltre, il 40-60% E. coli ceppi isolati da urinocoltura sono resistenti ai farmaci prescritti comunemente B-lattamici, tra cui ampicillina e le droghe cefalosporine di prima generazione (cefalotina e cefazolina). Al contrario, la resistenza ai fluorochinoloni in uropathogens gram-negativi attualmente rimane bassa (cioè 5-10%).

Tabella 9 riassume l’attuale approccio raccomandata di terapia iniziale per prostatite batterica acuta e cronica. A causa del profilo di resistenza basso e penetrazione superiore nel liquido prostatico e tessuti, un agente fluorochinoloni deve essere utilizzato come farmaco iniziale di scelta per prostatite batterica acuta o cronica. Tuttavia, va notato che fluorochinoloni hanno solo modesti in vitro attività contro gli agenti patogeni più comuni gram-positivi che causano prostatite, tra cui enterococchi e coagulasi negativistafilococchi. fluorochinoloni più vecchi come la ciprofloxacina hanno attività gram-positivi limitata, in modo che uno dei farmaci più recenti, come levofloxacina con una migliore efficacia potenziale da tutti gli organismi dovrebbero essere inizialmente utilizzato per gli uomini con acuta su episodi cronici di infezione. I pazienti con prostatite batterica acuta devono essere ricoverati in ospedale e dato antibiotici per via parenterale se comorbilità (malattie cardiache o diabete), immunosoppressione o ostruzione del flusso urinario sono presenti. terapia antibiotica parenterale deve essere utilizzato anche quando i sintomi di batteriemia (cioè febbre, brividi e rigori) e / o segni clinici di shock settico (cioè ipotensione, coagulopatia e disfunzione d’organo fine) sono presenti.

M ICRO-ORGANISMO-terapia antibiotica mirata

Anche se i pazienti ospedalizzati con infezioni del tratto urinario complicate associati alla vescica neurogena, reflusso, ostruzione, azotemia, e coloro che hanno avuto un trapianto sono ad aumentato rischio di essere colonizzati e infettati con batteri resistenti a più farmaci, aumentando la resistenza agli antibiotici è anche in corso di acquisizione in pazienti ambulatoriali. Nonostante l’uso mondiale di antibiotici B-lattamici, la distribuzione degli enzimi B-lattamasi responsabili della resistenza al oxyamino-cefalosporine e carbapenemici è altamente dipende geograficamente (7). Ad esempio, il 40% di K. pneumoniae isolati in alcuni ospedali negli Stati Uniti sono ESBL-produttori, mentre le altre strutture hanno segnalato alcun problema. Esteso spettro B-lattamasi (ESBL) -produzione E. coli è stato recentemente dimostrato di causare infezioni delle vie urinarie in pazienti ambulatoriali e questi ceppi possono causare epidemie basati sulla comunità (18). In aggiunta, i viaggi in India e Sud-est asiatico è stato associato con l’acquisizione di un ceppo enterica ESBL produttori di E. coli (36). Allo stesso modo, denuncia di focolai ospedale a causa di MBL-produzione P. aeruginosa ceppi sono stati finora localizzato a particolari aree geografiche in Nord America, eK. pneumoniae ceppi KPC-produttrici sono recuperati principalmente nei pazienti ospedalizzati negli NE Stati Uniti (34. 38). Tuttavia, data la propensione di batteri di trasferire rapidamente le informazioni genetiche che conferisce resistenza informazioni ci si aspetta che questi tipi di ceppi resistenti possono diffondersi ad altre giurisdizioni sanitarie. Inoltre, sarà senza dubbio essere trovati nuovi tipi di resistenza agli antibiotici, tra cui nuovo ancora non rilevati B-lattamasi.

GESTIONE ALTRI NON-ANTIBIOTICO

alfa-bloccante è diventata un importante misura aggiuntiva nel trattamento delle sindromi prostatite simile non batterica cronica, particolarmente per il miglioramento dei sintomi cronici e miglioramento della qualità della vita. randomizzati controllati con placebo pubblicati di recente utilizzando tamsulosina, terazosina o alfuzosina hanno confermato che l’alfa-bloccanti risultati in clinicamente significativa diminuzione dei sintomi più bassi del tratto urinario e il dolore / disagio e il miglioramento della qualità della vita negli uomini con CP / CPPS e dovrebbe essere di routine prescritto per questa condizione (28). Attualmente, gli studi clinici simili non sono stati fatti negli uomini con prostatite batterica in modo che ci sia solo prove aneddotiche o non controllata per l’uso di alfa-bloccanti per tipo II pazienti prostatite I o. Alfa-bloccanti possono alleviare i gravi sintomi ostruttivi della prostatite batterica acuta (tipo I) e in combinazione con antibiotici può anche migliorare i sintomi ostruttivi e di dolore cronico e di ridurre il rischio di recidiva rispetto agli antibiotici solo nei pazienti con prostatite batterica cronica (tipo II) . Uno studio non controllato di un piccolo numero di uomini con prostatite batterica cronica sostiene questa tesi, ma la conferma della efficacia clinica di alfa-bloccanti richiede ulteriori studi.

Dolore durante prostatite acuta può essere gestito più efficacemente utilizzando un FANS come naproxen in dosi regolari. massaggio prostatico normale per drenare focolai residui di infezione è stato utilizzato anche in pazienti con prostatite batterica cronica per ridurre i sintomi e cercare di ridurre il rischio di recidiva, ma non vi è alcuna prova da studi clinici che questo è efficace.

IT DPOINTS PER MONITORAGGIO TERAPIA

CO MPLICATIONS E GESTIONE

formazione di ascessi prostatica si verifica in l.5% al ​​2,5% dei pazienti ospedalizzati per prostatite batterica acuta. Condizioni predisponenti comprendono diabete mellito, l’immunosoppressione e dialisi cronica. Raramente, la diffusione ematogena di un fuoco lontano di infezione (vale a dire endocardite con batteriemia) via emboli settici alla prostata può causare un’infezione acuta della ghiandola, in particolare S. aureus (MSSA e MRSA). Ascesso limitato alla prostata può essere scaricata BE resezione transuretrale, mentre la malattia più estesa può richiedere drenaggio chirurgico aperto. TRUS può anche essere utilizzata per seguire la risoluzione di piccoli ascessi prostatici in cui viene utilizzata la terapia antibiotica senza drenaggio. I pazienti che si presentano con sintomi prostatite batterica acuta che riferiscono di aver pneumaturia può avere una fistola vescicolo-enterica e dovrebbe avere anche una TAC dell’addome e del bacino. L’adenocarcinoma del colon o della prostata può presentare con questa complicanza. 12) Prevenzione: Attività come andare in bicicletta, fare jogging e passeggiate a cavallo possono irritare la prostata e dovrebbero essere evitati negli uomini con una storia di prostatite. pratiche sessuali sicure appropriate devono essere utilizzati in modo coerente al fine di evitare l’acquisizione di un STD che può provocare una infezione genito-urinario. I preservativi devono essere utilizzati durante i rapporti sessuali con partner di rischio sconosciuto per l’acquisizione di un STD. Il contatto sessuale dovrebbe essere evitata o minimizzata con partner noti per avere un STD attiva.

RIFERIMENTI

4. Hochreiter WW, Duncan JL, Schaeffer AJ. Valutazione della flora batterica della prostata mediante una reazione 16S rRNA gene della catena della polimerasi based. J Urol 2000.163: 127-30. [PubMed]

5. Hua VN, Williams DH, Schaeffer AJ. Il ruolo dei batteri nella sindrome cronica prostatite / dolore pelvico cronico. Curr Urol Rep 2005,6:. 300-6 [PubMed]

6. Jacoby GA. Meccanismi di resistenza ai chinoloni. Clin Infect Dis 41 Suppl 2005,2: S120-6. [PubMed]

7. Jacoby GA, LS Munoz-prezzo. Le nuove beta-lattamasi. N Engl J Med 2005.352: 380-91. [PubMed]

8. Johnson JR, Kuskowski MA, Gajewski A, Soto S, Horcajada JP, Jimenez de Anta MT, e Vila J. genotipi di virulenza esteso e sfondo filogenetico di Escherichia coli isolati da pazienti con cistite, pielonefrite, o prostatite. J Infect Dis 2005.191: 46-50. [PubMed]

10. Krieger JN. Classificazione, epidemiologia e implicazioni della prostatite cronica in Nord America, Europa e Asia. Minerva Urol Nefrol 2004,56: 99-107. [PubMed]

12. Krieger JN, Nyberg Jr. L, Nickel JC. definizione di consenso NIH e la classificazione di prostatite. JAMA 1999.282: 236-7. [PubMed]

13. Krieger JN, Riley DE. Prostatite: qual è il ruolo di infezione. Int J Agents Antimicrob 2002,19: 475-9. [PubMed]

14. Krieger JN, Riley DE, Cheah PY, Liong ML, Yuen KH. Epidemiologia della prostatite: nuove prove per un problema a livello mondiale. Mondiale J Urol 2003,21: 70-4. [PubMed]

15. Krieger JN, Riley DE, Vesella RL, Minatore DC, Ross SO, Lange PH. sequenze di DNA batterico in tessuto prostatico da pazienti con cancro alla prostata e prostatite cronica. J Urol 2000.164: 1221-8. [PubMed]

16. Krieger JN, Ross SO, Limaye AP, Riley DE. localizzazione incoerente dei batteri gram-positivi agli esemplari prostatico specifico da pazienti con prostatite cronica. Urologia 2005,66: 721-5. [PubMed]

17. Krieger JN, Ross SO, Riley DE. prostatite cronica: epidemiologia e ruolo dell’infezione. Urologia 2002,60: 8-12; discussione 13. [PubMed]

19. Lee JC. Microbiologia della prostata. Curr Urol Rep 20001:. 159-63 [PubMed]

21. Liu H, Mulholland SG. trattamento antibiotico appropriato delle infezioni genito-urinario nei pazienti ospedalizzati. Am J Med 118 Suppl 2005,7A. 14S-20S [PubMed]

23. Maeda S, T Deguchi, Ishiko H, Matsumoto T, Naito S, Kumon H, Tsukamoto T, S Onodera, Kamidono S. Rilevazione di Mycoplasma genitalium, Mycoplasma hominis, Ureaplasma parvum (biovar 1) e Ureaplasma urealyticum (biovar 2) nei pazienti con uretrite non gonococcica utilizzando a catena della polimerasi piastra di reazione-microtitolo ibridazione. Int J Urol 2004,11: 750-4. [PubMed]

24. Mandar R, Raukas E, Turk S, Korrovits P, Punab M. micoplasmi nel liquido seminale dei pazienti prostatite cronica. Scand J Urol Nephrol 2005,39:. 479-82 [PubMed]

26. Naber KG. Prostatite. Nephrol Dial Transplant 16 Suppl 2001,6:. 132-4 [PubMed]

27. Naber KG, Bergman B, Vescovo MC, Bjerklund-Johansen TE, Botto H, Lobel B, Jinenez Cruz F, Selvaggi FP. linee guida EAU per la gestione delle infezioni del tratto urinario genitale e maschile. Infezione delle vie urinarie (UTI) Gruppo di lavoro dell’Ufficio Health Care (HCO) dell’Associazione Europea di Urologia (EAU). Eur Urol 2001,40: 576-88. [PubMed]

29. Nickel JC. Raccomandazioni per la valutazione dei pazienti con prostatite. Mondiale J Urol 2003,21: 75-81. [PubMed]

30. Nickel JC, Alexander RB, Schaeffer AJ, Landis JR, Knauss JS, Propert KJ. Leucociti e batteri negli uomini con prostatite cronica / sindrome da dolore pelvico cronico, rispetto ai controlli asintomatici. J Urol 2003.170:. 818-22 [PubMed]

31. Nickel JC, Downey J, Hunter D, Clark J. La prevalenza di sintomi prostatite-come in uno studio basato sulla popolazione utilizzando i National Institutes of Health cronica indice di prostatite sintomo. J Urol 2001.165: 842-5. [PubMed]

32. Nickel JC, Elhilali M, Vallancien G. iperplasia prostatica benigna (BPH) e prostatite: prevalenza di eiaculazione dolorosa negli uomini con BPH clinica. BJU Int 2005,95: 571-4. [PubMed]

39. Riley DE, Berger RE, Minatore DC, Krieger JN. 16S Diverse e relativi rRNA-codifica sequenze di DNA nei tessuti della prostata di uomini con prostatite cronica. J Clin Microbiol 1998,36: 1646-1652. [PubMed]

41. Schaeffer AJ, Landis JR, Knauss JS, Propert KJ, Alexander RB, Litwin MS, Nickel JC, O’Leary MP, Nadler RB, Pontari MA, DA Shoskes, Zeitlin SI, Fowler Jr. JE, Mazurick CA, Kishel L , Kusek JW, Nyberg LM. caratteristiche demografiche e cliniche di uomini con prostatite cronica: gli istituti nazionali di studio di coorte prostatite cronica salute. J Urol 2002.168: 593-8. [PubMed]

43. Takahashi S, Riley DE, Krieger JN. Applicazione della tecnologia reazione a catena della polimerasi in tempo reale per rilevare i batteri prostatico in pazienti con sindrome da dolore pelvico prostatite cronica / cronica. Mondiale J Urol 2003,21:. 100-4 [PubMed]

45. Talan DA, Stamm WE, Hooton TM, Moran GJ, Burke T, Iravani A, Reuning-Scherer J, Chiesa DA. Confronto di ciprofloxacina (7 giorni) e trimetoprim-sulfametossazolo (14 giorni) per acuto pielonefrite pielonefrite complicata nelle donne: uno studio randomizzato. JAMA 2000.283: 1583-1590. [PubMed]

46. ​​Warren JW, Abrutyn E, Hebel JR, Johnson JR, Schaeffer AJ, Stamm WE. Linee guida per il trattamento antimicrobico di semplice cistite batterica acuta e pielonefrite acuta nelle donne. Malattie infettive Society of America (IDSA). Clin Infect Dis 1999,29: 745-58. [PubMed]

47. Wasserman NF. Prostatite: presentazioni cliniche e reperti ecografia transrettale. Semin Roentgenol 1999,34: 325-37. [PubMed]

tabelle

Tabl e 1. NIH Classificazione di prostatite Sindromi Secondo annullati urine (VB-3) / Espresso prostatica secrezioni (EPS) Risultati

* Il cancro della prostata deve essere sospettata se PSA rimane persistentemente elevato (≥4 ug / ml) dopo la risoluzione di prostatite

++ sia VES e PCR sono i marcatori di infiammazione non specifici, ma possono essere utili per la risoluzione di monitoraggio delle infezioni prostatite fornite altre condizioni di base infiammatoria co-morbidità co-esistono in un dato paziente

Ta bella 7. Laboratorio differenziazione di prostatite batterica cronica

Positivo Post-massaggio urine / Cultura Semen

Positivo Cultura MSU

Rettale digitale esame della prostata

Cronica Prostatite batterica (tipo II)

≥500 cellule per mm3

Normale o allargata, tenero e può essere nodulare

≥500 cellule per mm3

tenera Normale o allargata, ma non

++ Metodo di concentrazione emocitometro utilizzando uno striscio DiffQuick macchiato

Ta bella 8. Percentuale suscettibilità del comune uropathogens causano prostatite negli Stati Uniti ++

++ Adattato da riferimenti (2) e (21)

Tab le 9. consigliato terapia antibiotica empirica per acuta e cronica prostatite batterica ++

Tipico microbica eziologie

Empiric Regimen primaria

Batterica acuta prostatite (≥35 anni)

(Semplice senza il rischio di STD patogeni)

Trattare come acuta complicata infezione delle vie urinarie x 14 d. La terapia singola dose non deve essere utilizzata. terapia antibiotica iniziale deve essere modificato in base ai risultati di midstream urine e / o culture sperma. Se rimane sintomatica dopo 14 d della terapia, il trattamento può avere bisogno di essere esteso a completare 4 settimane. Non di follow-up urinocolture 2 e 4 settimane dopo la terapia finito.

Batterica acuta prostatite (≤ 35 anni) (Semplice con il rischio di STD patogeni)

Ceftriaxone 250 mg I.M orCefixime 400mgs Po x 1 dose. + Doxiciclina 100 mg PO BID x 14 giorni orAzithromicin 500 mg po OD x 14 giorni

Fluorochinoloni non è più consigliato per l’infezione gonococcica

I pazienti devono avere delle urine test di amplificazione degli acidi nucleici-acido per il rilevamento di N. gonorrhoeae e C. trachomatis

Ciprofloxacina 400 mg IV ogni 12 ore o levofloxacina 500 mg ogni 24 ore IV

Ceftriaxone 1-2 g IV ogni 24 ore + Levofloxacina 500-750 mg PO OD, o Ertapenem 1 g IV ogni 24 ore o piperacillina tazobactam 3.375 gr IV ogni 6 ore

I pazienti dovrebbero avere l’urina midstream, sperma e le culture del sangue, così come l’imaging radiologico (ecografia o TC della ghiandola prostatica). Cambiare IV del regime orale sulla base di test di sensibilità isolare una volta colture di sangue sono sterili o ascesso drenato. Trattare per 4 settimane in base alla risoluzione dei sintomi e sterilizzazione delle urine e infezione sangue.

Related posts

  • Nutrizione in malattia epatica allo stadio terminale …

    Considerazioni nutrizionali a malattia epatica allo stadio terminale Simone I Strasser 1, *. Helen Vidot 2 articolo online pubblicato: 25 agosto 2011 l’energia di proteine ​​malnutrizione (PEM) è una caratteristica comune di …

  • La Peyronie – s trattamento di malattia …

    Che cosa è la malattia di Peyronie? La malattia di Peyronie (più comunemente noto come curvatura del pene o pene indurimento) è una condizione in cui gli uomini possono soffrire di imbarazzo, erezioni dolorose o anche …

  • Peyronie s Disease, pyronnies.

    La malattia di Peyronie una volta è stato pensato per essere raro, ma ora si ritiene che si verifichi in circa il 10% degli uomini. Può essere un grave ostacolo alla funzione sessuale sano e nel suo stato più progressiva …

  • Malattia infiammatoria pelvica (PID) …

    Qual è la malattia infiammatoria pelvica? Malattia infiammatoria pelvica (PID) è una infezione batterica di utero, tube di Falloppio e di altri organi riproduttivi femminili che colpisce più di una …

  • Per la malattia vascolare, a malattie vascolari.

    Fact sheet Recensito giugno 2016 Fatti salienti CVDs sono il numero 1 causa di morte a livello mondiale: più persone muoiono ogni anno da CVD che da qualsiasi altra causa. Si stima che circa 17,5 milioni di persone sono morte da …

  • Fase 4 della malattia renale cronica …

    Una persona con la fase 4 malattia renale cronica (CKD) ha avanzato danni renali con una grave diminuzione della velocità di filtrazione glomerulare (GFR) a 15-30 ml / min. E ‘probabile che qualcuno con la fase 4 …