Sindrome di congestione venosa pelvica, blocco nelle vene delle gambe.

Sindrome di congestione venosa pelvica, blocco nelle vene delle gambe.

Il dottor Shaheen Dixon 1. Dr Charles Ross Toccando 1. Dr Wei Chuen Liong 2 e Dr Dinuke Warakaulle 2

Dipartimenti di Radiologia, 1 John Radcliffe Hospital di Oxford e 2 Stoke Mandeville Hospital, Aylesbury

Che cosa è sindrome da congestione pelvica venosa?

Per capire che cosa sono le vene dilatate e perché si ottiene vene varicose intorno alla vulva / vagina e lungo la parte interna della coscia, è importante conoscere un po ‘di anatomia. Il diagramma qui sotto (diagramma 1 ) Dimostra normale anatomia delle vene all’interno del corpo.

Schema 1:Normaleanatomia venosa. Normalmente il sangue viene pompato dalle gambe, attraverso le vene del bacino e dell’addome al cuore. Il sangue scorre normalmente dalle ovaie attraverso le vene ovariche. La vena ovarica destra si unisce alla vena cava inferiore e la vena ovarica sinistra si unisce alla vena renale sinistra.

Quando le valvole nella vena smettono di funzionare o vi è un’ostruzione al flusso del sangue nelle vene risalenti al cuore, il sangue scorre poi indietro (cioè il modo sbagliato, lontano dal cuore). Questo fa sì che le vene varicose del bacino intorno alla ovaie, vulva / vagina e giù per la coscia e gambe interno, causando PVC. Guarda a diagramma 2 e 3 che mostrano cosa accade quando le vene diventano anormali.

diagramma 2. Mostra come la vena dilatata guarda e fa sì che le vene varicose intorno ovaie, perché le valvole di don’t lavoro. Il flusso sanguigno è nella direzione sbagliata, mettendo in comune nelle vene e causando loro di ingrandire.

Quali sono le cause di PVC?

Quali sono le cause di PVC?

Ci sono altre cause che possono causare l’ostruzione delle vene ovariche e pelvica che portano a PVCS, che sono molto meno comuni, e sono il risultato di ostruzione della vena. PVCS può anche essere associata con ovaio policistico.

Quali sono i sintomi e segni?

I sintomi di PVC sono dovuti alla dilatazione delle vene pelviche e perché il sangue scorre nel modo sbagliato (cioè all’indietro).

Le vene varicose del bacino circondano l’ovaio e possono anche spingere sulla vescica e del retto. Ciò può causare i seguenti sintomi:

  • dolore pelvico o dolori attorno al bacino e addome inferiore
  • Trascinando la sensazione o dolore nel bacino
  • Sensazione di pienezza nelle gambe
  • Peggioramento di incontinenza da stress
  • Peggioramento dei sintomi associati alla sindrome dell’intestino irritabile

Tuttavia, non tutte le donne con pelvica reflusso venoso otterrà i sintomi, e molti lo fanno solo dopo la gravidanza. Questo perché dopo la gravidanza, le vene possono dilatare di più a causa della compressione dal grembo materno. Questo provoca poi le vene varicose nella vagina / vulva per formare (diagramma 3 ). Le vene varicose possono diminuire dopo la gravidanza, ma possono deteriorarsi nel tempo.

Diagramma 3: Dimostra la diffusione del vene varicose lungo la parte mediale della coscia. Questo di solito si verifica dopo la gravidanza o se non trattata.

Come si diagnostica?

L’esame ecografico può essere utile (US). Questo test di imaging utilizza le onde sonore per rilevare le vene anomale. E ‘bravo a mostrare il flusso di sangue attraverso le vene ed è non-invasivo. Tuttavia, a volte le vene del bacino sono difficili da vedere attraverso l’addome, quindi, una ecografia speciale dove una piccola sonda viene inserito nella vagina per vedere le vene, chiamato una ecografia transvaginale può essere richiesto.

La diagnosi può ancora richiedere ulteriori indagini attraverso l’imaging non invasivo con la risonanza magnetica (MRI) e la tomografia computerizzata (CT). Questo ci permette di vedere dove le vene varicose sono provenienti da in modo da poter pianificare e fare il trattamento adeguato. Di solito è le vene ovariche che causano le vene varicose, ma altre vene pelviche può anche essere responsabile.

Quali sono le opzioni di trattamento?

Come prima linea, o se si sente che non si vuole andare sotto di una procedura, ci sono alcuni trattamenti farmacologici medici (medrossiprogesterone acetato o, più recentemente, Goserelin), che ha dimostrato di essere efficace in circa il 75% delle donne nel ridurre il dolore e la dimensione delle vene varicose.

Il trattamento usuale è transcatetere percutanea pelvica venosa embolizzazione. Si tratta di un trattamento minimamente invasivo che è sicuro e può essere fatto come un giorno per caso. Si arriva in per la procedura di mattina e può lasciare un paio d’ore più tardi lo stesso giorno. Nella maggior parte dei casi è la vena ovarica che è la causa delle vene varicose. Tuttavia altre vene pelviche come vene chiamato la vena iliaca interna, vena pudenda interna, otturatore vena e le vene ischiatiche possono anche essere responsabile e hanno bisogno di trattamento pure.

Altre opzioni di trattamento sono la chirurgia aperta o laparoscopica per legare le vene colpevole. Entrambe queste procedure sono più invasivi rispetto alle ovaie vena embolizzazione e richiedono un anestetico generale e un periodo di recupero più lungo.

Come mi preparo per il pelvica vena embolizzazione?

Come mi preparo per il pelvica vena embolizzazione?

  1. Se sta assumendo warfarin, è necessario avere questo alterato. Il medico vi consiglierà sui dettagli prima della procedura ..
  2. Assicurarsi che si prende una lista di tutti i farmaci (compresi i farmaci a base di erbe) e menziona eventuali allergie si possono avere soprattutto allo iodio (come il colorante raggi X, conosciuto come il contrasto, contiene iodio).
  3. E ‘importante informare noi di qualsiasi malattia recente, condizioni mediche o se c’è qualche possibilità che sei incinta. La venografia pelvica e le procedure di embolizzazione venosa pelvica richiedono raggi X che espongono il feto alle radiazioni se tu fossi incinta.
  4. Si consiglia di indossare un abbigliamento comodo. Vi verrà dato un abito da indossare durante la procedura.

Come viene eseguita pelvico Vein embolizzazione?

Utilizzando una guida x-ray e mezzo di contrasto per vedere i vasi sanguigni, il catetere viene quindi diretto nella vena (s) ovarico e / o pelvico per vedere se c’è qualche abnormaility, schema 4. Mentre il contrasto viene iniettato nelle vene e passa attraverso il corpo, si può verificare una sensazione calda e vampate di calore. E ‘normale.

Figura 4: (A) Il catetere viene visto all’interno della vena ovarica sinistra. Contrasto (X-ray colorante) si vede riflusso verso il basso la vena ovarica sinistra. (B) Ciò è stato embolizzare con successo (permanentemente bloccato) con le bobine.

Se è mostrato un’anomalia, lo stesso catetere può essere utilizzato per il trattamento (Figura 4). Questo è quando la vena è sigillato e bloccato con materiale sintetico o di farmaci chiamati agenti embolici. Questo viene spinto fuori attraverso il catetere al sito di trattamento. Per l’embolizzazione abbia successo senza ferire alcun tessuto normale, il catetere deve essere collocato in una posizione precisa. Questo permette al materiale embolico da consegnare solo i vasi anomali. Tuttavia in una piccola percentuale di casi, la procedura non è tecnicamente possibile e il catetere non può essere posizionata in modo appropriato. In questo caso poi un altro approccio può essere richiesto. Per esempio, se la pelle nick è fatto a all’inguine, un’altra pelle nick può essere necessaria al collo di avvicinare la vena da una posizione diversa.

Ci sono diversi agenti embolici che il radiologo interventista può utilizzare a seconda delle dimensioni del vaso sanguigno e quanto devono trattare. Molti di questi agenti embolici sono stati utilizzati per oltre 20 anni e sono sicuri ed efficaci.

L’elenco degli agenti embolici che il radiologo può utilizzare sono elencati di seguito:

  • bobine – Questi sono fatti di metalli diversi compreso acciaio inossidabile o platino. Essi sono disponibili in varie dimensioni e possono bloccare i vasi più grandi.
  • Agenti liquido sclerosante – Questi da vicino le vene da loro causando a coagulare.
  • colla liquida – Simile agli agenti sclerosanti liquidi, questo viene inserito nella vena dove è indurisce per bloccare la vena.

Al termine della procedura di catetere viene rimosso e la pressione è applicata alla zona per arrestare qualsiasi sanguinamento. La pelle nick è piccolo e non sono necessari punti di sutura.

La durata della procedura è variabile a seconda della complessità della condizione. In genere si può prendere tra i 30 ei 90 minuti. In un piccolo numero di pazienti, una procedura di ripetizione può essere necessaria per bloccare tutte le vene colpevole. Ciò si verifica quando le altre vene pelviche accanto alle vene ovariche sono anormali (diagramma 5 ). Tuttavia questo è ormai molto rara e la maggior parte dei pazienti richiedono solo una procedura di embolizzazione.

Diagramma 5: (A) L’immagine mostra che la vena ovarica è stato bloccato, ma ci sono le vene varicose pelviche coscia e mediale. Questi sono provenienti dalla vena iliaca interna su questo lato. (B) dimostra embolizzazione del diritto vena iliaca interna.

Quali sono i benefici ei rischi del pelvico Vein embolizzazione?

Pelvica venosa / ovarica vena embolizzazione ha dimostrato di essere una procedura sicura con sollievo dei sintomi di dolore e miglioramento delle apparenze delle vene varicose.

– L’embolizzazione è un modo molto efficace di bloccare la nave.

– Non è necessaria alcuna incisione chirurgica—solo una piccola nick nella pelle che non deve essere cucita chiusa.

– L’embolizzazione è molto meno invasiva rispetto alla chirurgia aperta tradizionale. Di conseguenza, ci sono meno complicazioni e la degenza in ospedale è relativamente breve—questo viene tipicamente fatto come un caso giorno. La perdita di sangue è inferiore al trattamento chirurgico tradizionale, e non vi è alcuna incisione chirurgica evidente.

La maggioranza delle donne (fino al 85%) scoprono di avere un miglioramento entro 2 settimane della procedura.

– C’è un piccolo rischio di una reazione allergica se il contrasto viene iniettato.

– C’è un piccolo rischio di infezione dopo embolizzazione

– Qualsiasi procedimento che prevede il posizionamento di un catetere all’interno di un vaso sanguigno comporta alcuni rischi. Tali rischi includono danni al vaso sanguigno (chiamato ovarica tromboflebite venosa), lividi o sanguinamento nel sito di puntura.

– C’è una piccola possibilità che un agente embolico può alloggiare o migrare nel posto sbagliato e privare tessuto normale del suo apporto di ossigeno (questo è chiamato non bersaglio embolizzazione e si verifica molto di rado)

– Ricorrenza delle vene varicose può verificarsi in fino al 10%.

Cosa succede dopo la procedura?

La frequenza cardiaca e la pressione sanguigna saranno monitorati.

Seguendo la procedura, riposo a letto è necessario per un breve tempo e molte persone lasciare l’ospedale entro 4 ore dalla procedura. Se si verifica un notevole dolore, potrebbe essere necessario rimanere in ospedale più a lungo.

Una volta scaricato, si è in grado di riprendere le normali attività nel giro di pochi giorni. Guida dovrebbe essere evitato per 1 settimana, o più a lungo se all’inguine disagio dovrebbe persistere (che è molto raro).

Il tuo radiologo interventista può raccomandare una scansione di follow-up e visita dopo la procedura o il trattamento è completo. Questo è quello di verificare se la procedura è stata un successo, e permette anche di discutere di eventuali modifiche o effetti collaterali si sono verificati dal trattamento. Le vene varicose visibili possono richiedere un trattamento locale, simile ad altre vene varicose delle gambe.

Interrompendo il riflusso del sangue (che scorre nel modo sbagliato), le vene varicose pelviche dovrebbe gradualmente ridursi via nell’arco di poche settimane. In caso di vene varicose vulvari, queste dovrebbero anche gradualmente ridursi. Ora che le principali vene ovariche e pelvica sono state embolizzare, se avete anche eventuali varici arti inferiori, questi possono essere trattati con una ridotta possibilità di farli tornare in futuro (che hanno un’alta probabilità di tornare, se non l’avete fatto avere la pelvica venosa embolizzazione). Qualsiasi sintomo che avete avuto relativo alle vene varicose nel bacino dovrebbero lentamente migliorare.

  1. Bittles MA, Hoffer EK. Gonadica vena embolizzazione: il trattamento del varicocele e sindrome da congestione pelvica. Semin intervent Radiol. 2008; 25 (3): 261-70.
  2. Ganesh A, Upponi S, l’On LQ, et al. Il dolore pelvico cronico a causa di sindrome da congestione pelvica: la Orle di radiologia diagnostica e interventistica. Cardiovasc intervent Radiol. 2007; 30: 1105-1111.
  3. Ignacio EA, Dua R, Sarin S, et al. sindrome da congestione pelvica: diagnosi e trattamento. Semin intervent Radiol. 2008; 25: 361-8.
  4. Ratnam LA, Mark P, Holdstock JM, et al. Pelvica venosa embolizzazione nella gestione delle vene varicose. Cardiovasc intervent Radiol. 2008; 31: 1159-1164.

Related posts